La sua storia

 

home_1

La Torretta Mattei

La Torretta Mattei appartiene a tutto un complesso di edifici fatti coatruire dal Conte Cesare Mattei per ospitarvi i “Pazienti” sottoposti alle cure elettromeopatiche che, potendoselo permettere, si trattenevano a Riola per avere l’opportunità di essere seguiti direttamente dall’inventore di questa rivoluzionaria terapia che il Conte preparava e somministrava presso la Rocchetta Mattei sua abitazione e laboratorio.

Architettura

L’architettura della Torretta Mattei segue nello stile quell’insieme di caratteri e decori che caratterizzano tanto il Castello della Rocchetta come le altre costruzioni volute dal Mattei. L’eclettismo capace di mescolare con sapiente maestria vari stili e ricavarne un ambiente che sembra essere un tuttuno con la sua attività di ricerca e sperimentazione tanto nella medicina come nell’architettura….,,

La Storia

Tutto cominciò nell’anno 1850 quando il Conte Cesare Mattei, che per varie vicende inizio la ricerca di una medicina alternativa a quella tradizionale che si era dimostrata inefficace in varie occasioni che lo avevano coinvolto. Dopo un primo periodo passato nelle sue proprietà di Bologna e dintorni si mise alla ricerca di un sito dove costruire la base per i suoi studi e contestuale residenza, la scelta cadde sul roccione di “Savignano longareno” dove preesisteva un fortilizio pare già abbandonato attorno al 1300. Conseguentemente nacque tutta un’attività funzionale alla ricezione degli ospiti del Conte, un albergo “L’Hotel de la Rose”, e numerose abitazioni trà le quali anche la torretta. Quando nel dopoguerra i possedimenti Mattei vennero alienati la torretta e le costruzioni contigue vennero acquistate da Ottorino Gentilini che più di recente fece restaurare anche gli afreschi decorativi dal pittore Orlando Gandolfi, come mostra la scritta sopra la porta dii accesso.